Ho installato un condizionatore in camera oscura e mi affido alla temperatura ambiente. Prima della sessione di stampa scaldo o raffreddo alla temperatura giusta le bottiglie con dentro le soluzioni, e nel frattempo climatizzo la camera oscura col condizionatore. Durante la sessione di stampa non controllo pių i bagni ma ogni tanto butto un occhio al termometro che misura la temperatura ambiente.
In inverno tratto a 20°, in estate a 24°.
In inverno uso dei tappetini riscaldanti sotto la bacinella dello sviluppo per mantenerlo pių caldo (intorno ai 24°) e rendere pių attiva la glicina dell'Ansco 130, che č il mio sviluppo standard per la stampa.